La nostra filosofia

Se state leggendo queste parole significa che non avete bisogno di troppe indicazioni: sapete già come si naviga in un sito, come potete muovervi da una sezione all’altra, che informazioni potete ricavarne. Ci tengo invece a dire che nella vita nulla è scontato: nel nostro caso ragionamenti del tipo “Il lettore medio della nostra rivista è anziano, non è interessato all’uso di PC, non sa che cosa sia Internet, …” e altre amenità del genere sono da evitare, in modo assoluto. Capita tutti i giorni di ricevere messaggi elettronici, testi redatti in Word e affini, segnalazioni sui vari social media da parte di persone che non sono più adolescenti da tempo, da molto tempo. Guai a pensare che l’equazione anziano = incapace di … sia giusta. Abbiamo a che fare sempre più con individui capaci e curiosi che, per motivi professionali o semplicemente personali o per puro piacere, hanno imparato e continuano ad imparare qualcosa di nuovo nel campo della comunicazione e dell’informatica. A questa prima categoria abbiamo pensato di dedicare il nostro sito. E poi ci sono tutti gli altri: quello che sono cresciuti a pane e PC, per i quali è naturale accendere il proprio computer ogni giorno, ed impiegarlo per qualsiasi necessità. Anche loro, anagraficamente più giovani della prima categoria descritta, col passare degli anni, o magari per una serie di interessi maturati con l’esperienza, si avvicineranno magari con piacere e curiosità al nostro periodico. Un’altra idea che ci ha convinti ad andare in questa direzione è quella di non chiudere la porta a tutte le opportunità che la tecnica ci sta mettendo a disposizione in questi anni. Con la serena consapevolezza che non si farà la rivoluzione, ma che, con pazienza e costanza, magari raggiungeremo qualche individuo che diverrà nel tempo un fedele lettore.

 
Giorgio Passera

Direttore editoriale